In vacanza nella Primavera 2017

Le vacanze natalizie sono ormai un ricordo, quelle estive un miraggio… Non c’è niente di meglio per staccare dalle fatiche di tutti i giorni che mettere in piano qualche giorno di viaggio durante la primavera, approfittando magari di un weekend lungo per partire alla scoperta di una città d’arte, o per partecipare a un evento imperdibile. Vogliamo dare qualche suggerimento agli indecisi, proponendo alcune località perfette per qualche giorno all’insegna della cultura, del divertimento e dei ritmi rilassati, indispensabili per godersi appieno una vacanza.
Flowers

Le mete ideali per la Primavera 2017

1. ATENE Atene

Non vedrete di sicuro una sfilata di Gucci al Partenone, visto il recente rifiuto da parte della Commissione archeologica greca di concedere la location alla maison per una kermesse di moda, ma la capitale greca può vantare molte frecce al suo arco. Il clima inizierà ad essere favorevole ma non eccessivamente caldo, le visite archeologiche saranno tutt’altro che affollate, così come i ristoranti e i locali più in voga. Tra una passeggiata alla scoperta del quartiere anarchico Exarchia e un giro al mercatino delle pulci di Monastiraki ricaricherete di sicuro le batterie e riempirete i vostri sguardi di bellezza.

2. BARCELLONA Alloggi a Barcellona

Città meravigliosa, da vedere e rivedere, Barcellona in primavera abbina a un clima che inizia a farsi decisamente mite il vantaggio di essere poco frequentata, quindi perfetta per una vacanza anche di soli pochi giorni. Sia che siate in viaggio con i bambini (guarda le attività da fare in città coi bambini) sia che vogliate dedicarvi a musei, mostre e mercatini, non avrete che l’imbarazzo della scelta. Così come non potrete resistere alla tentazione di tapas e pinchos, da gustare in un giro serale/notturno nei locali della città.

3. MALTA Malta

Altra località dove è possibile apprezzare il clima che si fa via via più temperato, Malta in primavera si accende di vita con numerosi appuntamenti che permettono di scoprire al meglio la cultura e le tante attrazioni dell’arcipelago. Durante l’equinozio di primavera, ad esempio, merita una visita il complesso di templi megalitici di Mnajdra, dove uno dei templi risulta allineato alla traiettoria del sole, mentre per i più festaioli da non perdere l’appuntamento “pasquale” con il Lost & Found Festival, che promette scintille come ogni anno.

4. PALERMO Alloggi a Palermo

Palermo e la Sicilia vantano temperature più che accettabili per una vacanza primaverile. Quella che sarà la Capitale della Cultura per il 2018 vanta un patrimonio artistico non indifferente, dai mosaici della Cappella Palatina all’architettura del Palazzo dei Normanni, ma insieme mette in campo una cucina da assaggiare assolutamente, anche nella versione street food, e una vitalità che non potrà che risultare contagiosa. Che dire poi della possibilità di fare un salto alla spiaggia di Mondello…

5. BUDAPEST budapest

La capitale ungherese affascina per la sua bellezza e insieme ingolosisce come meta per una vacanza all’insegna del relax. Se la doppia anima della città non potrà non lasciarvi incantati, tra i negozi, ristoranti, hotel e locali notturni della moderna Pest da un lato e il monumentale aspetto di Buda dall’altro, non mancherà la possibilità di rilassarsi nei tanti stabilimenti termali della città, che vanta più di un centinaio di sorgenti. Alcuni stabilimenti sono poi aperti anche nelle ore serali e notturne, per abbinare relax e divertimento.

6. AMSTERDAM alloggi a amsterdam

C’è bisogno di dirlo? Amsterdam è una meta perfetta in qualsiasi periodo dell’anno, sia che siate in cerca di una boccata di libertà sia che vogliate dedicarvi a girare la città con il naso all’insù, coccolandosi con una sosta gourmet presso il De Hallen. E non bisogna dimenticare che primavera in Olanda fa rima con Keukenhof, il più grande parco floreale del mondo situato a Lisse, a soli 30 Km da Amsterdam.

7. SOFIA Alloggi a Sofia

Qualche anno fa è stata definita la più economica d’Europa, meta perfetta dunque per viaggiatori in cerca di itinerari meno battuti e di un fascino che affonda le radici nel tempo. La Perla dei Balcani è una città dinamica, con la sua storia antica e i suoi splendidi monumenti, e insieme con la sua enogastronomia, lo shopping e la vita notturna. Grazie alle tariffe delle compagnie low cost può essere la meta ideale per un weekend primaverile all’insegna della cultura durante il giorno, e della movida al calar della sera.

8. IBIZA Ibiza Portinatx

Cercare relax a Ibiza? In primavera è possibile! Fuori dai flussi turistici, l’isola presenta un clima più che favorevole e offre la possibilità di godere della sua bellezza senza dover fare a pugni per guadagnarsi un posto favorevole per ammirare un tramonto. E chissà che qualche grado in più non permetta, almeno ai più insensibili al freddo, di fare il primo tuffo della stagione.

9. BERLINO Alloggi a berlino

Altra meta perfetta in ogni momento dell’anno, Berlino è una delle città al mondo con l’offerta turistica più vasta in assoluto. Ideale per qualsiasi tipo di viaggiatore, solitario o con famiglia al seguito, la città tedesca presenta un lato nuovo di sé ad ogni visita. Un consiglio un po’ fuori dai soliti itinerari turistici? Fate un giro dei mercatini vintage!

10. STOCCOLMA stoccolma1

Perfetta per essere visitata anche in pochi giorni, la città scandinava dopo avervi mostrato le sue bellezze architettoniche, dalla City Hall al Palazzo Reale e alla Cattedrale, vi sorprenderà con la vitalità di quartieri come Gamla Stan e SoFo: giovani, vivaci e ricchi di luoghi dove fermarsi per ristorarsi. In ogni caso, non dimenticatevi una visita al museo degli ABBA!

Le 10 destinazioni top per il 2017

Con l’inizio del nuovo anno, non sono mancati da più parti i suggerimenti indirizzati a mettere in mostra alcune località come le più “calde” di questo 2017. Se infatti resistono ai primi posti di classifiche importanti come il Global Destination Cities Index (un’analisi dettagliata delle 132 città più visitate al mondo) città ormai da tempo in cima ai desideri dei viaggiatori – da Londra a Parigi a Berlino, o da Milano a Roma per quel che riguarda il nostro paese – si affermano via via anche realtà meno conosciute e traiettorie meno battute come destinazioni emergenti di questo anno di turismo appena cominciato.

Ecco dunque una lista delle 10 destinazioni top per il 2017, e per ognuna (cliccando sul nome o sulla foto) una selezione accurata di voli, alloggi vicini ai principali punti di interesse e attività da fare una volta sul posto. Per far sì che la prenotazione della tua prossima vacanza possa avvenire nel più facile e diretto dei modi, pescando dalla cima o dal fondo della classifica. Come sempre, se non vuoi o non sai fare da solo non devi fare altro che CONTATTARCI e descriverci le tue esigenze.

10 – MANTOVA

Mantova capitale italiana cultura 2016
Partiamo con una destinazione italiana. Mantova vanta il primato di essere la città con la migliore qualità della vita, e grazie al progetto ERG (Regione europea della gastronomia), del quale fa attivamente parte, non potrà che vedere un aumento dei flussi turistici. L’offerta gastronomica è infatti di altissimo livello in zona, come stanno a dimostrare le tante stelle Michelin sul territorio.

9 – BUCAREST

Alloggi a Bucarest
Segnalata anche da TripAdvisor come una delle destinazioni emergenti del 2017, la capitale rumena predispone bene già dal nome, visto che bucura significa proprio essere contenti. Città viva dal punto di vista culturale e artistico, con i suoi numerosi musei e teatri, Bucarest è anche una capitale del divertimento con i suoi pub, night club, bar, caffetterie e discoteche aperti fino al mattino. Può essere un ottimo punto di approdo per partire alla scoperta della Romania, anche per i costi contenuti dei biglietti aerei.

8 – MALTA

Malta
Decisamente in crescita il fascino di questa piccola e poco affollata isola, che ha nel clima temperato uno dei suoi punti di forza. Anche d’inverno infatti le temperature sono miti e invogliano il turista a scegliere Malta come meta ideale, a maggior ragione in questi mesi, visto che la citta’ di La Valletta ha conquistato il titolo di Capitale Europea della Cultura per il 2018. Anche i dati del numero di ricerche di voli dall’Italia (in crescita di oltre il 30% nell’ultimo anno) confermano come il piacevole equilibrio tra la comodità e il fascino di un ambiente semplice e intatto, tipici dell’offerta turistica maltese, siano un’arma vincente per il territorio.

7 – KIEV

Alloggi a Kiev

La capitale ucraina è definitivamente tra i luoghi più appetiti per il turismo europeo, vuoi per la bellezza barocca delle sue architetture vuoi per il fatto di essere decisamente una città low cost. Oltre a una ottima offerta culturale, Kiev nasconde una movida notturna che non ha nulla da invidiare a quella delle grandi città europee, con casinò, vodka-bar, discoteche, localini, pub e quant’altro sospesi tra stravaganza e trasgressione.

6 – PISTOIA

Pistoia

Città che colpisce per la sua eleganza e bellezza raffinata. Tra vicoli medievali e piazzette irregolari, prestigiosi palazzi e piccole case-torri, emerge una città dal fascino discreto, perfetta per un turismo slow e di qualità. Pistoia sarà Capitale italiana della Cultura per il 2017, mettendo in mostra un ricco patrimonio di collezioni, musei comunali, archivi e biblioteche che già hanno in programma molti eventi culturali, da aggiungere a quelli di mostre e festival, spettacoli teatrali e musicali.

5 – MOSCA

ALLOGGI A mosca

Una metropoli rinomata per la sua architettura monumentale è pronta a vivere un 2017 e un 2018 all’insegna del rinnovamento e del grande fermento. Se infatti da un lato i progetti per il centenario della Rivoluzione del 1917 saranno al centro dell’offerta turistica per l’anno in corso, non c’è da dubitare che anche l’organizzazione dei mondiali di calcio del 2018 farà sì che Mosca viva mesi di aggiornamento e modernizzazione continua, tra edilizia, mezzi di collegamento e attrazioni culturali. Attirando frotte di turisti…

4 – BUDAPEST

budapest

Recenti dati di Expedia danno la capitale ungherese come una delle mete più appetite per il 2017. Si parla di un aumento del 66% nelle prenotazioni, per una città che non a caso viene ricordata come La Perla del Danubio. L’offerta culturale – tra architetture, musei e grandi festival come il Sziget – gastronomica e termale fanno di Budapest una città tra le più interessanti da visitare, d’estate così come negli altri periodi dell’anno.

3 – AMSTERDAM

alloggi a amsterdam

Città delle biciclette, del divertimento, della libertà, Amsterdam sa stupire ogni volta il turista con l’imponente mole di attrazioni che può vantare. Da quelle naturali dei suoi parchi fino alle splendide architetture e all’offerta museale, non sono molte le città nel mondo che possono sostenere il confronto con la città olandese. Tanto che i numeri confermano anche per questo 2017 un aumento di interesse, per una destinazione che è un grande classico soprattutto per i più giovani, ma che sa offrire il meglio a qualsiasi tipo di turista si rechi a visitarla.

2 – LISBONA

Alloggi a Lisbona

Difficilmente ai vertici delle classifiche turistiche, la capitale portoghese non ha nulla da invidiare a mete ben più “sponsorizzate” come Barcellona o Roma, sia dal punto di vista dell’offerta culturale, sia per ciò che riguarda ospitalità e tradizioni del territorio. Se a tutto questo aggiungiamo prezzi in molti casi più che abbordabili e un clima temperato che nel corso di tutto l’anno favorisce le attività all’aperto, ecco che abbiamo un quadro completo delle potenzialità di Lisbona e del suo territorio. Da visitare al ritmo del Fado!

1 – HELSINKI

alloggi a Helsinki

Capitale della Finlandia, Helsinki è una vibrante città di mare, con il suo stupendo arcipelago, tanti parchi e zone verdi. Dal cibo, alla cultura della sauna, all’ospitalità sorridente e cordiale dei suoi cittadini, non potrà non incantare il turista che la scegliesse come porta del Nord. Perché se da un lato la città vivrà un 2017 molto ricco, visto che sarà al centro di molte delle celebrazioni per il centenario dell’indipendenza della Finlandia e saluterà l’apertura al pubblico del santuario naturale di Vallisaari, dall’altro è innegabile come l’intero paese metta sul tavolo fiches turistiche importanti, che ne fanno una delle zone più incantevoli dell’intero pianeta. Dai paesaggi incontaminati alla limpidezza dell’aria, dal silenzio alla meraviglia delle aurore boreali, passando per parchi nazionali, l’Ufficio di Babbo Natale a Rovaniemi e le tantissime attività invernali, la Finlandia tutta merita una visita approfondita. E non vi è alcun dubbio che il 2017 sarà il suo anno.

Capodanno 2017 in Italia

Mancano poco più di sei settimane alla fine di questo (si prega di aggiungere un aggettivo a piacere) 2016. E se è vero che più o meno tutti meriteremmo di passare la notte dell’ultimo dell’anno e i giorni di ferie relativi in una località da sogno, lo è altrettanto il fatto che spesso, vuoi per le risorse limitate vuoi per i pochi giorni a disposizione, si sia costretti a puntare su soluzioni meno esotiche, per godersi insieme alle persone più vicine l’atmosfera della festa senza spendere un occhio della testa. Lungo tutto l’arco della penisola non mancano le soluzioni per una notte indimenticabile, per gli inguaribili romantici come per quanti fossero in cerca di cultura, musica o balli sfrenati e fuochi d’artificio. Da nord a sud, per il Capodanno 2017 in Italia c’è solo l’imbarazzo della scelta!

Capodanno 2017 in Italia

Noi di Personal Travels abbiamo pensato al modo di rendere questa scelta quanto più rilassante possibile. Abbiamo preparato delle pagine relative ad alcune delle città più frequentate durante la notte di Capodanno, per darvi la possibilità di prenotare vicino ai luoghi più “caldi” della notte dell’ultimo dell’anno. Insieme, abbiamo pensato ai vostri spostamenti e alle attività da fare una volta raggiunta la località prescelta, così che anche pochi giorni di stacco dalla routine di tutti i giorni possano trasformarsi in un’esperienza da ricordare. Non dimenticate infine che parecchi dei luoghi proposti sono molto gettonati, e c’è pochissimo tempo per trovare l’alloggio più consono in base alle esigenze di ognuno.

Ecco di seguito alcune nostre schede relative al Capodanno 2017 in Italia:

Cliccando sulle schede vedrete una breve descrizione degli eventi previsti per l’ultimo dell’anno in ogni località, saprete tutto su come raggiungerla – con la possibilità di acquistare il biglietto aereo o di noleggiare un’auto per l’occasione – potrete prenotare un alloggio in città o ricercare l’alloggio più vicino a un determinato punto di interesse, selezionato in base alla “temperatura” raggiunta durante la notte di Capodanno. E ancora, troverete le proposte per tour e attività in città o nei dintorni, spesso una maniera economica e particolare per calarsi nella realtà da visitare.

Capodanno 2017 in Italia

Se vuoi un lavoro più personalizzato o non sei in grado di barcamenarti tra i clic di una prenotazione online, non hai da fare altro che metterti in contatto diretto con noi. Un esperto si occuperà di ascoltare le tue esigenze e proporti la soluzione ideale per le tue necessità, tagliata su misura in base ai tuoi desideri. E se la località che hai scelto per Capodanno non è tra quelle del nostro catalogo, non esitare a segnalarcelo (nei commenti qui sotto o direttamente sulla nostra pagina Facebook), prepareremo una scheda ad hoc per facilitare al massimo ogni operazione di booking online. E a te non rimarrà che concentrarti sui festeggiamenti!

Parti con Personal Travels per l’8 dicembre!

Ecco le nostre proposte per passare al meglio il Ponte dell’Immacolata. Scegli la località che preferisci e clicca per aprire la scheda e prenotare voli e alloggi, oltre che per avere informazioni su come raggiungerla e per conoscere le attività da fare una volta in zona. Se vuoi avere più informazioni o raffinare la ricerca, non hai da fare altro che contattarci o lasciare un commento su questa pagina.

Partiamo insieme per questo ponte dell’8 dicembre!

Capodanno 2017 nelle capitali europee

Visitare una delle capitali europee nel periodo a cavallo degli ultimi giorni dell’anno permette di godere di un clima cittadino caldo e accogliente, anche qualora si scegliesse una delle fredde città del Nord Europa. Tra mercatini di Natale, feste e concerti, le giornate scorrono veloci e ricche di appuntamenti, tra una visita culturale e un aperitivo nel centro. E per la sera dell’ultimo dell’anno ogni città presenta il suo volto più libero e spensierato, ballando tra tradizioni secolari e la voglia di divertimento più sfrenato. Londra, Parigi, Budapest o Copenaghen, ognuna di queste città sarà capace di incantare il turista con un Capodanno da ricordare.

Capodanno 2017 nelle capitali europee

Noi di Personal Travels abbiamo pensato al modo di rendervi la scelta quanto più rilassante possibile. Abbiamo preparato alcune schede relative ad alcune delle città più frequentate durante la notte di Capodanno, selezionando per voi gli alloggi migliori e fornendovi la possibilità di prenotare vicino ai luoghi più caldi della notte dell’ultimo dell’anno. Insieme, abbiamo pensato ai vostri spostamenti e alle attività da fare una volta raggiunta la città, così che anche pochi giorni di stacco dalla routine di tutti i giorni possano trasformarsi in un’esperienza indimenticabile. Non dimenticate che parecchi dei luoghi proposti sono molto gettonati, e far passare troppo tempo per decidersi influisce sia sul prezzo finale che sulla reale possibilità di trovare l’alloggio più consono in base alle esigenze di ognuno.

Ecco di seguito le nostre schede relative al Capodanno 2017 nelle capitali europee:

Cliccando su ogni scheda vedrete una breve descrizione delle usanze dell’ultimo dell’anno in città, saprete tutto su come raggiungere la località – con la possibilità di acquistare il biglietto aereo o di noleggiare un’auto per l’occasione – oltre ad avere due alloggi “selezionati da Personal Travels”, con prezzo di riferimento per un soggiorno di due persone, e una griglia personalizzata per ricercare l’alloggio più vicino a un determinato punto di interesse, in base alla composizione del gruppo che viaggia. E ancora, troverete le proposte per tour e attività in città o nei dintorni, spesso una maniera economica e particolare per calarsi nella realtà da visitare.

Capodanno 2017 nelle capitali europee

Se vuoi un lavoro più personalizzato o non sei in grado di barcamenarti tra i clic di una prenotazione online non hai da fare altro che metterti in contatto diretto con noi. Un esperto si occuperà di ascoltare le tue esigenze e proporti la soluzione ideale per le tue necessità, tagliata su misura in base ai tuoi desideri. Tu pensa solo a comprare le stelline di Natale, per tutto il resto affidati a Personal Travels!

Viaggiare nell’Europa Green: le città e il rispetto dell’ambiente

Viaggi verdi, ecoturismo, turismo sostenibile, vacanze ecologiche. Sono tutti aspetti di una rivoluzione in corso, che vede il rispetto dell’ambiente come argomento centrale anche quando ci si prepara a scegliere la meta delle vacanze. Una rivoluzione alla quale stanno prendendo parte, in maniera certamente difforme, anche le destinazioni di viaggio, che ridisegnano la propria offerta tenendo conto del cambiamento, e in qualche caso, come testimoniato dalle misurazioni del Green City Index (uno studio condotto dall’Economist Intelligence Unit in collaborazione con Siemens), si propongono come mete ideali per il turista che scelga il verde come suo colore preferito. Quali destinazioni europee preferire allora se ci si vuole immergere in questo cambiamento di stile di vita e apprezzare gli sforzi messi in campo per ridurre l’impatto sull’ambiente?

Rispetto dell'ambiente

LA SITUAZIONE IN EUROPA. Scegliere l’Europa “green” significa senza dubbio puntare dritti a nord, verso i Paesi nordici. Nella classifica delle città più propense al cambiamento il gradino più alto del podio spetta infatti a Copenaghen, davanti a Stoccolma e Oslo. La capitale danese, prima tra le grandi città, già dal 2009 si è impegnata per diventare territorio a emissioni zero entro il 2025, ma i suoi punti di forza non si fermano solo a questo. Si è dotata infatti di una rete pubblica dei trasporti molto efficiente, con i cittadini che mediamente vivono a non più di 350 metri da una fermata, ma è anche la città che più si è dedicata alla promozione dell’uso della bicicletta, tanto che praticamente un abitante su due si sposta sulle due ruote a pedali. I suoi edifici residenziali consumano il 40% in meno di energia rispetto alla media europea, e per rispettare il verde urbano e gli spazi circostanti, negli ultimi anni l’edilizia si è concentrata per l’80% delle sue nuove costruzioni sul recupero delle aree dismesse, senza intaccare il patrimonio green della città.

I NUMERI DELLE ALTRE CITTA’. Rimanendo agli esempi virtuosi, scopriamo che l’approvvigionamento energetico di Oslo si affida per il 65% alle energie rinnovabili, rispetto alla media europea che si attesta al 7%, e che a Stoccolma ben il 68% della popolazione raggiunge il posto di lavoro a piedi, o in bicicletta. Oslo si fregia anche del titolo di città con le emissioni pro capite più basse del mondo, con una media di 2,2 tonnellate contro le 5 della media europea. Il frutto di politiche e investimenti mirati, capaci di generare grandi differenze tra le città prese in considerazione dal rapporto. Differenze come quella relativa alle perdite dell’acquedotto cittadino: con Amsterdam che ha ridotto la percentuale al solo 4%. Se pensiamo che in Bulgaria, a Sofia, questa percentuale arriva oltre il 60%, le differenze saltano subito all’occhio. Così come si evidenzia bene la differenza di velocità all’interno dello scenario europeo. Solo due città dell’est europeo figurano infatti nei primi 15 posti della classifica, e se si eccettua il caso di Vilnius si scoprono ancora grandi contraddizioni nelle scelte delle città dell’Europa orientale.

Le città e il rispetto dell'ambiente

IL CASO DI VILNIUS. La capitale lituana è quella che si è meglio piazzata tra le città dell’est. Questo grazie soprattutto alla qualità dell’aria, che risulta pulita grazie a una serie di fattori: la dimensione non eccessiva della città, l’assenza di industria pesante e la contemporanea presenza di ampi tratti di foresta nelle immediate vicinanze. In più la città ha messo in atto una politica di riqualificazione delle abitazioni, offrendo agevolazioni per la conversione all’alta efficienza energetica. E dal 2006 è in funzione un impianto di produzione di energia da biocombustibili, che già nel 2009 provvedeva al riscaldamento del 10% del territorio cittadino.

Le città e il rispetto dell'ambiente

E IN ITALIA? Il rapporto prende in considerazione la sola città di Roma, e la colloca al centro della classifica (14° posto), a fare da trait d’union tra città dell’ovest e dell’est. Evidenti infatti sono i ritardi italiani in scelte politiche e investimenti. Riguardo alla capitale, basta pensare al trasporto pubblico inadeguato, alle infrastrutture obsolete e in attesa di riqualificazione, alle scelte che sembrano condannare invece che premiare quanti decidano di muoversi sulle due ruote della bicicletta piuttosto che incolonnarsi in automobile nel traffico urbano, per rendersi conto di quanta strada ci sia ancora da fare. Eppure qualcosa, soprattutto nei piccoli centri, inizia a muoversi anche da noi. Come per il caso dell’Elba, che per l’estate 2016 sta scegliendo bici e auto elettriche per gli spostamenti sull’isola. Si tratta ancora di piccoli e isolati passi, inevitabili però per evitare di rimanere così indietro da non essere più capaci di intercettare quella grossa fetta di turisti nazionali e internazionali che ha il rispetto dell’ambiente come priorità, oltre che come sana abitudine.

Risparmiare sulla prenotazione dell’hotel: il tempo è denaro!

Il momento migliore per prenotare un viaggio negli Stati Uniti? Se si vuole risparmiare sulla prenotazione dell’hotel, allora meglio darsi da fare un paio di mesi prima della partenza. E se vogliamo viaggiare in Europa? In questo caso, meglio prenotare dai tre ai cinque mesi prima della partenza per ottenere un risparmio consistente, pari a qualcosa più del 20% nei periodi “caldi” dell’estate. A dirlo, il report di TripAdvisor intitolato “Best Time to Book”, che sulla base dei dati raccolti dalla sua piattaforma ha stilato una sorta di vademecum per il turista che volesse scoprire il momento migliore per effettuare la prenotazione di un albergo.

Il report ha preso in considerazione prenotazioni e ricerche sugli hotel di nove regioni del pianeta, focalizzando poi l’attenzione su 25 città, per poter fornire qualche indicazione utile sul miglior momento per effettuare la prenotazione nell’alta stagione estiva. Ecco quali sono i risultati.

9 REGIONI A CONFRONTO.

Stati Uniti – I prezzi degli hotel mantengono una certa stabilità lungo tutto il corso dell’anno. Si ottiene un risparmio di circa il 7% prenotando con 2 mesi di anticipo.
Europa – Il miglior momento per prenotare in Europa è dai 3 ai 5 mesi prima della partenza. La percentuale qui è più consistente, pari a circa il 23% sul totale.
Asia – Anche qui prenotando con 3 mesi di anticipo si può risparmiare fino a circa il 23%. Interessante il dato relativo all’ultimo mese prima della partenza, con prezzi in salita vertiginosa fino alle ultime due settimane, quando invece si abbassano decisamente.
Caraibi – In questo caso risparmio contenuto anche con un discreto anticipo. Prenotando 4 mesi prima della partenza si risparmia circa il 7%.
Centro America – Prezzi stabili in questa regione, per una situazione simile alla precedente. 3 mesi di anticipo garantiranno un risparmio del 7% circa sul totale.
America del Sud – Qui si può arrivare a risparmiare il 20% sulla prenotazione dandosi da fare 4 mesi prima della data di partenza. Un 2/4% in più di risparmio si ottiene prenotando molto sotto data, ma in questo caso entra in gioco un certo fattore di rischio. Per turisti temerari.
Medio Oriente – 4 mesi di anticipo significano un consistente risparmio, pari a circa il 24%. Anche in questo caso i prezzi degli hotel si impennano subito dopo, per poi abbassarsi di nuovo un paio di settimane prima della data di partenza.
Africa – Meglio darsi da fare per tempo. Con 5 mesi di anticipo si arriva a risparmiare il 21%.
Sud Pacifico – Stesso discorso fatto per l’Africa. 5 mesi di anticipo significano circa il 19% in meno per ogni notte in hotel.

Aeroplano volo notte

IL MIGLIOR MOMENTO PER PRENOTARE NELLE CITTA’ DEL MONDO.

Ecco la tabella relativa al miglior momento per prenotare un albergo città per città. Guardate se c’è la località delle vostre vacanze, e scoprite se siete ancora in tempo per risparmiare qualcosina. In qualche caso la percentuale è davvero interessante…

Bangkok – entro i 3 mesi per risparmiare il 16%
Barcellona – 2-7 mesi prima per risparmiare il 27%
Beijing (Pechino) – 2-6 mesi prima per risparmiare il 16%
Berlino – 2-5 mesi prima per risparmiare il 33%
Buenos Aires – 1-4 mesi prima per risparmiare il 19%
Cancun – 2-4 mesi prima per risparmiare il 16%
Cape Town – entro i 3 mesi per risparmiare il 13%
Dubai – entro i 2 mesi per risparmiare il 40%
Dublino – 2-5 mesi prima per risparmiare il 14%
Hanoi – entro i 3 mesi per risparmiare il 16%
Istanbul – entro i 5 mesi per risparmiare il 29%
Giacarta – entro i 3 mesi per risparmiare il 39%
Londra – 3-5 mesi prima per risparmiare il 18%
Marrakech – entro i 4 mesi per risparmiare il 28%
Mosca – 4-7 mesi prima per risparmiare il 55%
Mumbai – entro i 3 mesi per risparmiare il 17%
New York – 2-4 mesi prima per risparmiare il 25%
Orlando – 1-4 mesi prima per risparmiare il 10%
Parigi – entro i 4 mesi per risparmiare il 32%
Praga – 2-5 mesi prima per risparmiare il 33%
Rio – 3-5 mesi prima per risparmiare l’11%
Roma – 3-5 mesi prima per risparmiare il 32%
Singapore – da 2 settimane a 5 mesi per risparmiare il 26%
Sydney – entro i 5 mesi per risparmiare il 34%
Tokyo – 2-5 mesi prima per risparmiare il 31%

In visita al Museo Fallologico Islandese

Immagini di visitare l’Islanda e subito ti vengono in mente la suggestione dei colori e dei paesaggi, le splendide cascate, il calore termale e la bellezza sospesa del Blue Lagoon, la Laguna Blu che ogni anno attira tantissimi turisti. Eppure esiste un’attrazione, in particolare un museo, che nel 2009 aveva salutato l’arrivo di circa 11mila turisti, ed oggi ha praticamente triplicato quella cifra, con i suoi oltre 33mila visitatori, per una crescita solo nel 2015 pari al 35%. Parliamo dell’Icelandic Phallological Museum, il Museo Fallologico Islandese, un luogo unico al mondo che ha la particolarità di ospitare una collezione del tutto fuori del comune: quella di peni.

Museo Fallologico Islandese

Il Museo Fallologico Islandese contiene infatti una collezione di oltre duecento peni e parti di pene, appartenenti a pressoché tutti i mammiferi terrestri e marini presenti in Islanda, uomo compreso, con contributi anche di animali che non vivono sul suolo islandese. Nasce da un’idea di Sigurdur Hjartarson, che nell’ormai lontano 1974 si vide regalare un pene di toro, il primo elemento di una collezione che gradualmente ha finito per raccogliere un interessante campionario di più specie di mammiferi. Il museo aprì a Reykjavík nell’agosto del 1997, e da subito si è ricavato un posto d’onore sulle pagine dei giornali di tutto il mondo, viste la stranezza e l’unicità della sua proposta.

Sono soprattutto i turisti stranieri ad aver agevolato la crescita di popolarità del Museo Fallologico Islandese, tanto che ad oggi il 99% dei visitatori proviene da fuori dei confini islandesi, con asiatici, europei e statunitensi in cima alla classifica. Tutti in fila per curiosare tra peni di grandi e piccole dimensioni, da quello di 170 centimetri della balena blu – per circa 70 chilogrammi di peso – fino ai piccolissimi ossi penici di topo e criceto, che necessitano di una lente d’ingrandimento per essere ammirati, visti i pochi millimetri di lunghezza. Fate un tour virtuale cliccando sul video qui sotto.

Oltre alla collezione di peni, il museo ospita anche molti altri oggetti che rispettano la stessa tematica. Dai paralumi realizzati con scroto di toro alla scultura commemorativa della medaglia d’argento olimpica conquistata dalla squadra islandese di pallamano – una serie di peni in argento che si sospetta siano il calco di quelli degli elementi della vera squadra – tutto all’interno del museo ricorda al visitatore che, come sottolinea il “papà” dell’Icelandic Phallological Museum, “la Fallologia è una scienza antica che, fino ad anni recenti, ha ricevuto un’attenzione assai limitata in Islanda, se non come un campo di studi marginale di altre discipline accademiche, come la storia, l’arte, la psicologia, la letteratura e altri settori artistici come la musica e il balletto”.

Museo Fallologico Islandese

Se capitate dalle parti di Reykjavík non perdetevi quindi una visita in questo che è considerato come uno dei più strani musei del mondo intero, e chissà che combattuti tra l’approccio scientifico e quello ludico non vi capiti di sentirvi per un attimo come Marika, l’Anita Ekberg de “Il Conte Max” (il remake del 1991 di e con Christian De Sica), che collezionava meticolosamente i calchi dei genitali dei suoi amanti. Ad accogliervi al museo troverete Hjörtur Gísli Sigurðsson, il figlio del fondatore, uno dei pochi esseri umani al mondo a poter canticchiare con cognizione di causa quel verso del brano “John Holmes” di Elio e le Storie Tese che recita: “E insomma il pene mi dà il pane”…

Visitare Mantova, la Capitale italiana della Cultura 2016

9 mesi da vivere intensamente, tra storia, arte, cultura, musica, territorio, enogastronomia e nuove tecnologie. Questo ciò che attende la città di Mantova, gioiello rinascimentale insignito del titolo di Capitale italiana della Cultura 2016: circa un migliaio di eventi, in programma a partire dal prossimo 9 aprile, che attireranno l’attenzione di molti turisti italiani e internazionali, come già confermato dagli ottimi numeri registrati per l’anteprima delle vacanze pasquali.

LA CITTA’ TRA PASSATO E FUTURO. Patria di Virgilio, corte dei Gonzaga che attirò geni della pittura e dell’architettura – Leon Battista Alberti, Andrea Mantegna, Giulio Romano – della letteratura e della musica – Torquato Tasso e Claudio Monteverdi – insieme a Sabbioneta patrimonio mondiale dell’umanità per l’UNESCO: questa è la Mantova più conosciuta, che incanta e stupisce turisti da tutto il mondo. Ma Mantova occupa anche la quarta posizione nello Smart City Index 2016, classifica delle città italiane più tecnologiche realizzata da Ernst & Young, a conferma del fatto di essere un luogo dinamico, capace di coniugare la valorizzazione della storia con la capacità di guardare al turista del futuro, grazie alla sperimentazione di un’interazione inedita tra mondo fisico e mondo digitale. Mediante una applicazione, unita all’integrazione con il sito web dedicato a Mantova Capitale Italiana della Cultura 2016 ed i suoi social network, si può vivere l’esperienza “phygital” (fisica e digitale) fruendo di informazioni contestuali referenziate nello spazio e nel tempo, nonché di itinerari personalizzati suggeriti dall’intelligenza artificiale tenendo conto della tipologia di utente quali, per esempio, famiglie con bambini, anziani o disabili.

Mantova capitale italiana cultura 2016

Mantova capitale italiana cultura 2016

GLI EVENTI DEL 2016. Il cuore pulsante sarà il centro storico, con i suoi palazzi, i suoi portici, le sue chiese e le sue piazze: un museo diffuso e interattivo in cui l’espressione artistica dialogherà con il patrimonio architettonico. Sei percorsi tematici permetteranno di scoprire il fascino di Mantova nelle diverse età: dalla Mantova del Settecento alla Mantova della creatività contemporanea, dalla Mantova ebraica alla Mantova antica di Virgilio, dalla Mantova del Risorgimento a quella del Rinascimento. Tutt’intorno eventi e appuntamenti da non perdere.

Si parte il 9 e il 10 aprile con la festa d’apertura e con musei, monumenti (tra cui Palazzo Te, Palazzo Ducale, San Sebastiano, Teresiana, Palazzo della Ragione, Torre dell’orologio, musei diocesano e dei vigli del fuoco) e alcuni dei principali cantieri (Palazzo del Podestà, torre dello Zuccaro e rocca di Sparafucile) che si aprono ai cittadini. Chiude Max Gazzé il 10 sera, con un concerto in Piazza delle Erbe.

Piazza Erbe - Foto Archivio Comune di Mantova

Piazza Erbe – Foto Archivio Comune di Mantova

ARTE. L’arte uscirà dai suoi luoghi tradizionali e si aprirà alla città, offrendosi come occasione di riqualificazione urbana. La prima produzione del Centro Internazionale di Arte e Cultura di Palazzo Te per Mantova Capitale sarà l’installazione che porta la firma di Stefano Arienti, “Quadri da un’esposizione”: omaggio alla pittura mantovana del Novecento, con oltre 200 opere di artisti locali finora conservate nei depositi del Museo Civico di Palazzo Te. E ancora, Palazzo Ducale proporrà una serie di mostre che spaziano dall’arte moderna a quella contemporanea, con un’attenzione particolare alla produzione locale. Tra quelle in programma: “Mantovarte – studi aperti” (aprile), che inaugurerà il nuovo spazio dedicato all’arte contemporanea del Museo; “Sonia Costantini/Josef Schwaiger chromospazio”, con opere appositamente realizzate dai due artisti contemporanei (giugno) e un’esposizione dedicata ad Albrecht Dürer, “Incisioni e influssi”, che indagherà le reciproche influenze tra l’arte del Mantegna e quella dell’artista tedesco. Nella Casa del Mantegna in aprile sarà allestita una mostra sulla Grande Guerra, cui faranno seguito fino alla fine dell’anno numerose altre esposizioni di arte contemporanea.

Palazzo Te - Foto Archivio Comune Mantova

Palazzo Te – Foto Archivio Comune Mantova

MUSICA. Una star internazionale come Brian Eno si esibirà il prossimo 25 giugno a Palazzo Te e realizzerà una composizione musicale sollecitata dal fascino del palazzo stesso. Sempre a giugno si terrà la quarta edizione del Mantova Chamber Music Festival “Trame Sonore”, che inviterà il pubblico a scoprire capolavori della grande musica classica in location suggestive. Fra i concerti pop, annunciati Bregovic, Battiato, Jethro Tull, gli Stadio, Ezio Bosso. Un altro dei progetti portanti del 2016 sarà Mantovamusica, che fino a dicembre proporrà più di 45 concerti nei luoghi più belli della città, espressione di una rinnovata stagione creativa. Last but not least lo storico Mantova Jazz Festival nei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

CULTURA. In programma Festivaletteratura, che celebrerà il suo ventennale organizzando, oltre al consueto appuntamento settembrino, una serie di incontri con autori italiani e stranieri, workshop, concerti e percorsi tematici durante tutto il 2016. E ancora, Segni d’infanzia e OLTRE, festival internazionale di arte e teatro dedicato ai più piccoli, con artisti da tutto il mondo, provenienti dal mondo musicale, letterario e cinematografico, e in maggio MantovArchitettura, tre settimane di incontri, seminari, mostre dedicate al mondo del progetto. Infine, Mantova Creativa, due giorni all’insegna dell’arte contemporanea e del design con installazioni di arte pubblica.

Foto Comune_Fotografi Compagnoni e Zapparoli

Foto Comune_Fotografi Compagnoni e Zapparoli

NATURA E ENOGASTRONOMIA. La rassegna “I Volti della natura in città” organizzata dal Parco del Mincio prevede 40 escursioni, dalla primavera all’autunno, per scoprire la forte simbiosi della città con l’acqua e la natura. E per ciò che riguarda l’enogastronomia, i prossimi 9 mesi saranno l’occasione adatta per verificare di persona la bontà della cucina mantovana, che affonda le sue radici nel passato, coniugando ad arte la povertà degli ingredienti con la ricchezza delle trovate e la varietà delle combinazioni.

Un consiglio, per il turista che volesse recarsi in città, è quello di valutare l’opportunità di acquistare la Mantova card, valida 72 ore (si acquista al prezzo di 20 Euro), la quale garantisce l’accesso a 15 musei di Mantova e Sabbioneta, l’utilizzo di bus e bici pubbliche e sconti in alcuni esercizi cittadini.

Se vuoi soggiornare più vicino possibile al centro di Mantova, clicca sul pulsante qui sotto per scoprire le migliori opportunità!

In viaggio con i bambini: 5 consigli utili

Tutti i lettori che hanno figli sanno benissimo di cosa si sta parlando: mettersi in viaggio con i bambini può a volte diventare un’esperienza limite, capace di mettere alla prova la pazienza di chiunque, se non si seguono determinati accorgimenti, e se non si mettono in conto le esigenze dei viaggiatori più piccoli del gruppo. Ecco alcuni consigli utili a far sì che la parola vacanza conservi il suo valore di esperienza rilassante e rigenerante.

LA SCELTA DELLA DESTINAZIONE. Non sottovalutate mai, specie se i bambini non sono piccolissimi, l’importanza del loro coinvolgimento e della loro partecipazione al viaggio. Una volta scelta la meta, trovate il modo di renderla interessante anche agli occhi di un bambino, che forse non sarà entusiasta di seguirvi in molti degli itinerari culturali pensati per i più grandi, ma parteciperà attivamente se giustamente coinvolto. Un esempio? Nell’ultimo viaggio di chi scrive, i suoi due bimbi sono stati entusiasti di girare per Oxford alla scoperta dei luoghi di Harry Potter, visto a casa prima di mettersi in viaggio. E’ solo un esempio; tra libri, film, fiabe e fumetti sarete in grado di stimolare la curiosità dei vostri figli, che non vedranno l’ora di visitare il posto scelto.

Bambini in piscina

LA SCELTA DEL LUOGO DOVE SOGGIORNARE. Considerate i bambini anche nella scelta dell’albergo o dell’appartamento dove soggiornerete. Questo non significa dover pescare solo dai cataloghi degli alberghi a tema, quanto piuttosto considerare in quale maniera i bambini spenderanno il tempo libero al ritorno da escursioni o visite guidate. In estate una piscina li terrà occupati senza che ci sia bisogno di altro, e se i bambini amano la vita all’aria aperta nulla vieta di fermarsi un po’ fuori dal centro abitato, in una struttura che conceda ampi spazi e magari anche la compagnia di qualche animale. Hotel o appartamento? Entrambi hanno dei punti di forza: il divertimento della novità da un lato e la comodità di poter impostare i propri orari dall’altra… La scelta in questo caso potrebbe dipendere anche dall’età dei bambini al seguito.

Bambini al museo

LA SCELTA DEGLI ITINERARI. Non siate troppo esigenti nella scelta delle cose da visitare nel luogo della vostra vacanza. I musei andranno bene, a patto che siano più o meno attrezzati all’intrattenimento dei più piccoli e che voi sappiate coinvolgerli nella visita, ma non commettete l’errore di dimenticare di stuzzicare l’immaginazione dei bambini, perché si corre il rischio tangibile di trovarsi ad avere a che fare con muli recalcitranti. Alternate le esperienze, fateli godere dei giochi d’acqua delle fontane e delle soste nel parco per giocare un po’, stuzzicate la loro fantasia con racconti fiabeschi sui castelli e gli edifici storici che incontrate e vedrete che il tempo scorrerà senza doversi occupare in ogni momento delle lamentele dei bambini.

Bambini food

LA SCELTA DEL CIBO. Anche se siete tra i genitori più attenti del mondo per ciò che riguarda l’alimentazione dei vostri figli, in vacanza inevitabilmente farete fatica a tenere la regolarità per quel che riguarda la composizione e gli orari di consumo dei pasti. Meglio quindi, pur senza esagerare, lasciarsi andare almeno per il pranzo a pasti veloci, consumati mentre si gira per il luogo scelto per la vacanza, evitando soste al ristorante che oltre a rubare tempo alle visite potrebbero degenerare in infinite discussioni. Lo street food andrà benissimo, e farà sì che anche i bambini possano conoscere prodotti e golosità differenti da quelle a cui sono abituati. Siamo tutti consapevoli dell’importanza delle abitudini nella vita di ogni bambino, ma sappiamo anche quanto essi siano propensi alla trasgressione delle regole. Starà a voi trovare il giusto equilibrio.

Bambino treno

LA SCELTA DEI MEZZI DI TRASPORTO. Sia per quel che riguarda il viaggio in sé, sia per ciò che riguarda gli spostamenti una volta raggiunto il luogo della vacanza, il mezzo scelto sarà fondamentale. Se in aereo basterà davvero poco per intrattenerli, un lungo viaggio in macchina potrebbe far iniziare la vacanza nel peggiore dei modi, qualora non si fossero prese le giuste “precauzioni”. Non dimenticate di portare qualche passatempo, e ancora una volta tenete presente che i migliori risultati li avrete coinvolgendo i bambini nello spirito del viaggio. Guardate fuori dal finestrino, cercate le differenze con i luoghi che vedete abitualmente, mettete in conto qualche sosta straordinaria per ricaricare le batterie, e vedrete che si respirerà davvero aria di vacanza. Una volta sul posto, tenete a mente che un giro su un mezzo strano, dalla gondola alla carrozza coi cavalli, fino al trenino che passa all’interno del parco pubblico, sarà ricordato dai bambini come un’esperienza unica e divertente, per cui non dimenticatevi di metterlo in conto, per godersi un’escursione senza musi lunghi.

In definitiva, pur non esistendo alcuna regola aurea, tenete a mente che coinvolgere i bambini nelle varie fasi della preparazione e dello svolgimento della vacanza innalzerà il loro livello di entusiasmo, probabilmente contribuendo nel contempo ad abbassare i vostri livelli di stress. Altrimenti, dopo la vacanza, ci vorrà per forza una vacanza!