I 10 paesi più pacifici da visitare in vacanza

Inutile negarlo: mai come in questa fase storica abbiamo affiancato alle tradizionali ansie da partenza anche quella legata alla sicurezza. A conferma delle sensazioni personali, anche chi si occupa di misurare la “temperatura” da questo punto di vista del pianeta conferma come l’anno 2015 (e col 2016 stiamo andando ancora peggio, come confermano gli ultimi fatti di cronaca) abbia restituito la fotografia di un mondo meno sicuro, meno pacifico, con una distribuzione dei conflitti che fa sì che le nazioni pacifiche lo siano sempre più, mentre quelle con più problemi da questo punto di vista sprofondino ancor di più nell’insicurezza. Per stilare una classifica dei 10 paesi più pacifici da visitare in vacanza facciamo riferimento ai dati del Global Peace Index 2016, redatto dall’organizzazione indipendente Vision of Humanity.

Islanda

Islanda

1) ISLANDA – Per il sesto anno consecutivo l’Islanda è al top dei paesi più pacifici del mondo, grazie ai punteggi molto bassi per ciò che riguarda le voci omicidio, persone in carcere e attacchi terroristici. Il paese non ha nemmeno conflitti territoriali con altri stati, per cui può a buon diritto essere definito come il più tranquillo del mondo.

2) DANIMARCA – Paese che solitamente svetta in un numero inenarrabile di classifiche al primo posto, dalla qualità della vita, alla felicità, fino al fatto di essere bike-friendly, questa volta la Danimarca si accontenta del secondo posto in questa particolare classifica. Rimane comunque uno dei luoghi più tranquilli dove programmare una vacanza.

3) AUSTRIA – Sul podio finisce anche l’Austria, che deve il suo successo particolarmente alle importazioni di armi, molto contenute, e alla tranquillità della sua società, testimoniata anche dalla capacità di riuscire a svolgere elezioni pacifiche.

4) NUOVA ZELANDA – Si tratta certamente di una delle nazioni dove non mancano pericolo e avventura, ma state pur certi che avrete più possibilità di rimanere colpiti da un panorama mozzafiato piuttosto che da un conflitto interno o una violenza improvvisa.

5) PORTOGALLO – Grazie soprattutto alla poca circolazione di armi da fuoco e a un conflitto interno molto basso, il Portogallo si piazza in alto in classifica, e si conferma luogo da visitare per la sua sicurezza, oltre che per la sua bellezza.

Scorriamo la classifica un po’ più rapidamente, incontrando al 6° posto la Repubblica Ceca, quindi la Svizzera, forte della sua proverbiale neutralità, prima di imbatterci nel Canada, che a livello di sicurezza stacca i vicini Stati Uniti. Al nono posto si piazza il Giappone, che oltre che per la sua sicurezza spicca per la capacità di offrire grandi servizi ai turisti che decidessero di visitarlo, mentre a chiudere la classifica dei primi dieci ecco la Slovenia, che a fronte di un import di armi non del tutto rassicurante, brilla per un basso livello di crimini commessi.

A questo punto vi starete chiedendo in che posizione sia il nostro paese. Ebbene, l’Italia si pone al 39esimo posto della classifica, a causa di una forte percezione di criminalità, di parecchi crimini violenti e un accesso alle armi piuttosto facile. In Europa, che si conferma comunque il luogo del mondo più sicuro in generale da visitare, non siamo certamente ai vertici della classifica, e non tanto per il rischio terroristico (come ad esempio in Francia), quanto piuttosto per questioni che ben conosciamo, tutte interne e parte integrante della nostra società. Ma questa è un’altra storia…

Salva

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *