In viaggio con i bambini: 5 consigli utili

Tutti i lettori che hanno figli sanno benissimo di cosa si sta parlando: mettersi in viaggio con i bambini può a volte diventare un’esperienza limite, capace di mettere alla prova la pazienza di chiunque, se non si seguono determinati accorgimenti, e se non si mettono in conto le esigenze dei viaggiatori più piccoli del gruppo. Ecco alcuni consigli utili a far sì che la parola vacanza conservi il suo valore di esperienza rilassante e rigenerante.

LA SCELTA DELLA DESTINAZIONE. Non sottovalutate mai, specie se i bambini non sono piccolissimi, l’importanza del loro coinvolgimento e della loro partecipazione al viaggio. Una volta scelta la meta, trovate il modo di renderla interessante anche agli occhi di un bambino, che forse non sarà entusiasta di seguirvi in molti degli itinerari culturali pensati per i più grandi, ma parteciperà attivamente se giustamente coinvolto. Un esempio? Nell’ultimo viaggio di chi scrive, i suoi due bimbi sono stati entusiasti di girare per Oxford alla scoperta dei luoghi di Harry Potter, visto a casa prima di mettersi in viaggio. E’ solo un esempio; tra libri, film, fiabe e fumetti sarete in grado di stimolare la curiosità dei vostri figli, che non vedranno l’ora di visitare il posto scelto.

Bambini in piscina

LA SCELTA DEL LUOGO DOVE SOGGIORNARE. Considerate i bambini anche nella scelta dell’albergo o dell’appartamento dove soggiornerete. Questo non significa dover pescare solo dai cataloghi degli alberghi a tema, quanto piuttosto considerare in quale maniera i bambini spenderanno il tempo libero al ritorno da escursioni o visite guidate. In estate una piscina li terrà occupati senza che ci sia bisogno di altro, e se i bambini amano la vita all’aria aperta nulla vieta di fermarsi un po’ fuori dal centro abitato, in una struttura che conceda ampi spazi e magari anche la compagnia di qualche animale. Hotel o appartamento? Entrambi hanno dei punti di forza: il divertimento della novità da un lato e la comodità di poter impostare i propri orari dall’altra… La scelta in questo caso potrebbe dipendere anche dall’età dei bambini al seguito.

Bambini al museo

LA SCELTA DEGLI ITINERARI. Non siate troppo esigenti nella scelta delle cose da visitare nel luogo della vostra vacanza. I musei andranno bene, a patto che siano più o meno attrezzati all’intrattenimento dei più piccoli e che voi sappiate coinvolgerli nella visita, ma non commettete l’errore di dimenticare di stuzzicare l’immaginazione dei bambini, perché si corre il rischio tangibile di trovarsi ad avere a che fare con muli recalcitranti. Alternate le esperienze, fateli godere dei giochi d’acqua delle fontane e delle soste nel parco per giocare un po’, stuzzicate la loro fantasia con racconti fiabeschi sui castelli e gli edifici storici che incontrate e vedrete che il tempo scorrerà senza doversi occupare in ogni momento delle lamentele dei bambini.

Bambini food

LA SCELTA DEL CIBO. Anche se siete tra i genitori più attenti del mondo per ciò che riguarda l’alimentazione dei vostri figli, in vacanza inevitabilmente farete fatica a tenere la regolarità per quel che riguarda la composizione e gli orari di consumo dei pasti. Meglio quindi, pur senza esagerare, lasciarsi andare almeno per il pranzo a pasti veloci, consumati mentre si gira per il luogo scelto per la vacanza, evitando soste al ristorante che oltre a rubare tempo alle visite potrebbero degenerare in infinite discussioni. Lo street food andrà benissimo, e farà sì che anche i bambini possano conoscere prodotti e golosità differenti da quelle a cui sono abituati. Siamo tutti consapevoli dell’importanza delle abitudini nella vita di ogni bambino, ma sappiamo anche quanto essi siano propensi alla trasgressione delle regole. Starà a voi trovare il giusto equilibrio.

Bambino treno

LA SCELTA DEI MEZZI DI TRASPORTO. Sia per quel che riguarda il viaggio in sé, sia per ciò che riguarda gli spostamenti una volta raggiunto il luogo della vacanza, il mezzo scelto sarà fondamentale. Se in aereo basterà davvero poco per intrattenerli, un lungo viaggio in macchina potrebbe far iniziare la vacanza nel peggiore dei modi, qualora non si fossero prese le giuste “precauzioni”. Non dimenticate di portare qualche passatempo, e ancora una volta tenete presente che i migliori risultati li avrete coinvolgendo i bambini nello spirito del viaggio. Guardate fuori dal finestrino, cercate le differenze con i luoghi che vedete abitualmente, mettete in conto qualche sosta straordinaria per ricaricare le batterie, e vedrete che si respirerà davvero aria di vacanza. Una volta sul posto, tenete a mente che un giro su un mezzo strano, dalla gondola alla carrozza coi cavalli, fino al trenino che passa all’interno del parco pubblico, sarà ricordato dai bambini come un’esperienza unica e divertente, per cui non dimenticatevi di metterlo in conto, per godersi un’escursione senza musi lunghi.

In definitiva, pur non esistendo alcuna regola aurea, tenete a mente che coinvolgere i bambini nelle varie fasi della preparazione e dello svolgimento della vacanza innalzerà il loro livello di entusiasmo, probabilmente contribuendo nel contempo ad abbassare i vostri livelli di stress. Altrimenti, dopo la vacanza, ci vorrà per forza una vacanza!

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *