Musica e viaggi, viaggiare in musica e musicare il viaggio

Musica e viaggi. Indissolubilmente legati, da qualunque prospettiva li si guardi: dalla colonna sonora di un’estate indimenticabile fino al viaggio ad occhi chiusi e a cavallo delle note che escono dagli altoparlanti della stanza. Quello che vogliamo fare oggi è partire a bordo di un treno di canzoni ispirate da luoghi che potrebbero essere mete reali delle vostre prossime vacanze, tra paradisi esotici e città protagoniste di alcuni indimenticabili successi.

Chi non ricorda il successo di Madonna del 1987 “La Isla Bonita”, singolo estratto da “True Blue”? Ebbene, l’isola protagonista è in realtà Ambergris Caye, la più grande del Belize, il cui centro abitato si chiama appunto San Pedro. L’isola è a pochi chilometri dalla Belize barrier reef, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO e seconda barriera corallina per dimensioni dopo la grande barriera corallina australiana. Ampie spiagge bianche e dune di sabbia, per una vacanza “da sogno”.

Un discorso a parte merita un’altra canzone rilasciata appena un anno dopo quella di Madonna. Parliamo di un brano della colonna sonora del (non proprio indimenticabile) film “Cocktail”, quel “Kokomo” dei The Beach Boys che ha più volte disorientato quanti tentassero di capirne l’ispirazione. Scartando le ipotesi fatte riguardo a riferimenti a città omonime dell’Indiana o dell’Arkansas, pare che i Beach Boys si ispirassero a un poolside bar del villaggio di Islamorada, nelle Florida Keys. Ad oggi, comunque, esiste davvero una Kokomo Island a Montego Bay, in Giamaica, un’isola privata ribattezzata così dalla Sandals Royal Caribbean dopo il grande successo del pezzo, contenuto nell’album “Still Cruisin’”.

Una menzione, in questo viaggio in musica, meritano quegli artisti che hanno legato a doppio filo la loro produzione a luoghi reali, incontri e viaggi. Gente come Sufjan Stevens, che dopo “Greetings from Michigan: The Great Lake State” ha pensato di pubblicare un album per ognuno dei 50 Stati che compongono gli Stati Uniti d’America. Seguirà l’ottimo “Come on Feel the Illinoise”, prima della confessione di aver sparato alto, e usato come espediente promozionale quello degli album legati agli stati americani.

Altro nome che viene in mente pensando al legame tra musica e luoghi è quello di Zach Condon, e del suo progetto “Beirut”. Il primo album nasce proprio da un viaggio in Europa che cambierà la vita e la prospettiva dell’artista, tanto che di lì in poi legherà sempre più spesso la sua ispirazione a luoghi, cultura e tradizioni dei paesi conosciuti. Un esempio?

Torniamo alle atmosfere estive con un classico Anni 80, girato a Ibiza nel conosciuto Pikes Hotel dove festeggiò anche Freddie Mercury un suo compleanno. Loro erano George Michael e Andrew Ridgeley, insieme erano gli Wham! e “Club Tropicana” fu un successone. Il video è ancora oggi indimenticabile.

Pensate di viaggiare nelle grandi città o nelle capitali d’Europa quest’estate? Ecco allora tre canzoni legate a città che potrebbero essere la vostra meta estiva, essendo tra le più visitate in assoluto. Partiamo con un pezzo divertente, che fa il verso al cambiamento di nome da Costantinopoli all’odierno Istanbul, avvenuto nel 1930. The Four Lads nel 1953 produssero “Istanbul (not Constantinople)”, che viene ripresa nel 1990 dai They Might Be Giants con la consueta verve.

Come non ricordare poi le atmosfere di Lisbon Story, di Wim Wenders? Se avete in programma un giro nella capitale del Portogallo, fatevi accompagnare dalla magnifica voce di Teresa Salgueiro e dall’incanto di “Ainda”, album del 1995 colonna sonora di quel magnifico film che nasceva come documentario.

Chiudiamo con Parigi, e con uno dei nostri gruppi preferiti. Alla prossima visita alla Torre Eiffel, sparatevi in cuffia questo tributo dei Pixies al genio di Alexandre Gustave Eiffel!

E… buon viaggio! (no, tranquilli… il video di Cremonini non ve lo posto…)

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *