Il cantastorie in bicicletta: il riassuntone di un viaggio incredibile

Abbiamo raccontato per mesi questo viaggio incredibile, che ha portato Piero Zio Bici e i Cyclown Circus dall’Europa all’Indonesia a bordo di una flotta di Tall Bike, senza attrezzature particolari e senza mai pagare per dormire una sola volta in circa 4 anni di viaggio. Ora vogliamo ripercorrerlo, così da consentire a chiunque volesse rileggersi tutte le puntate di avere sotto mano la storia completa. Che non dimenticheremo facilmente. (clicca sulle immagini delle singole tappe per leggere la storia, o sulle immagini che espressamente te lo segnalano)

La Tall Bike di Piero

La Tall Bike di Piero

Questo è il mezzo con cui Piero ha affrontato tutto il viaggio, e qui potete leggerne la preparazione, quando ancora si era in quel di Roma.

La preparazione del viaggio (1)

La preparazione del viaggio (1)

La preparazione del viaggio (2)

La preparazione del viaggio (2)

Piero raggi bici

Piero tra raggi e ingranaggi della bici

La prima tappa del viaggio porta lo Zio Bici in Turchia, per unirsi ai Cyclown Circus, un gruppo di ciclo-artisti itinerante. Di seguito le vicende in terra turca.

Turchia tappa 1

Turchia tappa 1

Turchia tappa 2

Turchia tappa 2

Turchia tappa 3

Turchia tappa 3

Zio Bici in Cappadocia

Il freddo costringe il gruppo a spostarsi a Cipro, dove l’occupazione di uno stabile a Nicosia fornirà uno spazio creativo, da lasciare poi in eredità agli amici del luogo.

Cipro tappa 1

Cipro tappa 1

Cipro tappa 2

Cipro tappa 2

Cipro tappa 3

Cipro tappa 3

Cipro - bandiera di cemento

Cipro – bandiera di cemento

Il gruppo sceglie la meta del viaggio: si arriverà in Cina! Intanto ci si muove verso la Georgia, con l’indimenticabile (non) passaggio in Abcasia.

Georgia tappa 1

Georgia tappa 1

Georgia tappa 2

Georgia tappa 2

Georgia tappa 3

Georgia tappa 3

La scultura in Abcasia

La scultura in Abcasia

Arrivati in Russia si passa qualche giorno a Mosca, per racimolare i soldi necessari a pagare il biglietto per la Transiberiana, che porterà il gruppo fino al lago Bajkal, dove lo Zio Bici assaggerà le acque più fredde del mondo.

Russia tappa 1

Russia tappa 1

Russia tappa 2

Russia tappa 2

Russia tappa 3

Russia tappa 3

Pedalare vicino al lago Bajkal

Pedalare vicino al lago Bajkal

Quindi ci si muove verso la Mongolia, terra meravigliosa dove pedalare. Si incontra qualche problema alla frontiera, prima di scoprire alcune difficoltà da parte di qualcuno nell’accettare l’ospitalità della gente del luogo. Prime frizioni nel gruppo…

Mongolia tappa 1

Mongolia tappa 1

Mongolia tappa 2

Mongolia tappa 2

Mongolia tappa 3

Mongolia tappa 3

Spettacolo davanti alle yurte mongole

Spettacolo davanti alle yurte mongole

Superata la Mongolia, l’ingresso in Cina è da incubo. Le biciclette sono sparite! La sosta cinese, che doveva rappresentare la meta del viaggio, sembra andare nella maniera peggiore, finché una sorpresa inaspettata non consente al gruppo di gustare un po’ dell’atmosfera di Pechino.

Cina tappa 1

Cina tappa 1

Cina tappa 2

Cina tappa 2

Cina tappa 3

Cina tappa 3

La ricetta gourmet cinese (clicca sull'immagine)

La ricetta gourmet cinese (clicca sull’immagine)

Per raggiungere il Laos bisogna attraversare lo Yunnan, con i suoi scenari indimenticabili e una salita non proprio preventivata. Una volta in Laos, l’incontro fortuito con un circo itinerante fa sì che il gruppo (o almeno una parte di esso) si senta come in una grande famiglia.

Yunnan tappa 1

Yunnan tappa 1

Yunnan tappa 2

Yunnan tappa 2

Raggiungere la cima!

Raggiungere la cima!

Laos tappa 1

Laos tappa 1

Laos tappa 2

Laos tappa 2

Laos tappa 3

Laos tappa 3

Lo sgangherato circo laotiano

Lo sgangherato circo laotiano

Si arriva quindi in Thailandia, e si alternano i momenti nella civiltà a periodi di viaggio in ambienti incontaminati. Dove per esempio si finisce per incontrare un serpente. E a proposito di incontri, la mamma di Piero incontra suo figlio proprio in Thailandia, prima che lui parta verso la trascurabile esperienza del Rainbow Gathering.

Thailandia tappa 1

Thailandia tappa 1

Thailandia tappa 2

Thailandia tappa 2

Thailandia tappa 3

Thailandia tappa 3

Thailandia tappa 4

Thailandia tappa 4

Accamparsi in spiaggia in Thailandia

Accamparsi in spiaggia in Thailandia

Prima della Malesia, però, c’è una sorpresa che aspetta lo Zio Bici: il primo ritorno in Italia, grazie a un biglietto acquistato dai suoi più cari amici romani.

Il primo ritorno in Italia (clicca sull'immagine)

Il primo ritorno in Italia

Il ritorno dopo la pausa italiana non è facile… Una sosta a Kuala Lumpur appare rigenerante, prima di finire a Singapore, dove a causa della difficoltà nel trovare un alloggio bisognerà campeggiare al parco. Per fortuna si fanno incontri interessanti…

Malesia tappa 1

Malesia tappa 1

Singapore tappa 1

Singapore tappa 1

Singapore tappa 2

Singapore tappa 2

Singapore tappa 3

Singapore tappa 3

Zio Bici allegro a Singapore

Zio Bici allegro a Singapore

L’arrivo in Indonesia rappresenta l’ultima delle tappe del viaggio incredibile di Zio Bici. La meta finale è Yogyakarta, più volte segnalata al gruppo come il paradiso di artisti e ciclisti. Come non spingersi fin lì?

Indonesia tappa 1

Indonesia tappa 1

Indonesia tappa 2

Indonesia tappa 2

Indonesia tappa 3

Indonesia tappa 3

Ma la fatica è ormai tanta, e il gruppo si è sfaldato. Sembra proprio arrivato il momento di tornare alla vita normale. Piero soggiorna ancora per qualche tempo a Yogyakarta, e ci ritorna dopo un’altra pausa italiana. Ma questa vita, portata avanti per tutto questo tempo, gli ha messo addosso la voglia di fermarsi un po’. E poi, si sa, l’amore arriva sempre a sconvolgere qualsiasi piano…

Indonesia tappa 4

Indonesia tappa 4

Indonesia tappa 5

Indonesia tappa 5

L'epilogo del viaggio di Zio Bici

L’epilogo del viaggio di Zio Bici

Musichetta finale… titoli di coda…

THE END

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *