Come attrarre la Generazione Y nel vostro hotel

Chiamatela Generazione Y, chiamateli Millennials, chiamateli Echo Boomers, chiamateli un po’ come preferite ma fate in modo di richiamarli nelle vostre strutture, pena il trovarsi fuori dal mercato presente e futuro. Si perché la generazione che ha visto la luce tra gli Anni ’80 e i primi Duemila rappresenta già oggi una fetta importante del mercato (siamo a un terzo di tutti gli ospiti in hotel) e gli effetti dei cambiamenti già in atto nel modo di comunicare con le varie strutture sono destinati a produrre altre reazioni a catena nei tempi a venire. Se quindi la vostra struttura non possiede un’adeguata strategia di comunicazione, cercate di correre ai ripari ed aggiornarvi prima possibile.

Ma quali sono i punti fondamentali di cui tenere conto, per attrarre i Millennials nella propria struttura?

Smartphone - foto dell'utente flickr kleuske

Smartphone – foto dell’utente flickr kleuske

Il primo è certamente quello collegato ai mezzi attraverso i quali questa fetta di mercato ama fruire dei messaggi. Tutti o quasi i Millennials usano lo smartphone sia per guardare video che per connettersi con i loro contatti nelle varie applicazioni social. Meglio quindi considerare una strategia legata alla produzione di contenuti video che possano in qualche maniera diventare virali ed essere condivisi tra i vari utenti, piuttosto che investire in pubblicità televisiva, vecchio cavallo di battaglia di una generazione che ormai fu. Non servirà certo uno Spielberg dietro la telecamera, ma basterà mettere in luce gli aspetti più caratteristici della vostra struttura o fornire uno sguardo personale su quello che la circonda, per attirare l’attenzione degli utenti. Siate reali, insomma, e vedrete che i risultati non si faranno attendere.

Social network - foto dell'utente flickr Tanja Cappell

Social network – foto dell’utente flickr Tanja Cappell

Secondo aspetto fondamentale, e strettamente connesso con il primo, è quello legato alla presenza online della vostra struttura. Avere un sito internet e pensare di averla sfangata così, con una paginetta statica che dà tre informazioni sul vostro hotel e non è neanche ottimizzata per essere fruita da mobile non solo non basta più, ma diventa un vero e proprio autogoal. Intanto Google dal prossimo aprile darà maggiore visibilità ai siti ottimizzati per mobile (e già questo dovrebbe farvi tremare), poi praticamente la totalità dei Millennials possiede un profilo social dove scambia informazioni e fotografie con i suoi contatti, e tra queste non mancano quelle collegate alle esperienze di viaggio. Non potete più permettervi di non avere profili social adeguati, e adeguatamente infarciti di contenuti.

Dislike - foto dell'utente flickr zeevveez

Dislike – foto dell’utente flickr zeevveez

Terzo elemento, altrettanto fondamentale: i Millennials si affidano molto alle recensioni online e apprezzano l’impegno sociale/ambientale. Quasi tutti, a dispetto dello scetticismo che si respira in giro sull’argomento, leggono tante recensioni e da quelle si fanno un’idea del posto che andranno a visitare. Conoscere e ampliare il proprio target significa non temere le recensioni negative, a patto di aver fatto tutto il possibile per evitarle. Il “rompipalle” di turno capiterà sempre, sappiate gestire la situazione per girarla a vostro vantaggio. Ma non crediate di farla franca e di poter fare i furbi, sarete smascherati e uccellati in rete senza alcuna pietà. Insieme, valorizzate gli aspetti sociali e eco-sostenibili della vostra struttura – ove ce ne fossero – perché questi argomenti toccano la sensibilità di una larga fetta di questi potenziali clienti.

Wi-Fi zone - foto dell'utente flickr Erin Pettigrew

Wi-Fi zone – foto dell’utente flickr Erin Pettigrew

Ultimo aspetto da considerare, che tocca il lato più pratico della questione: non avere una connessione Wi-Fi adeguata nella vostra struttura allontanerà questo tipo di clientela. Sembra scontato, ma basta pensare come un solo cliente possa portare con sé lo smartphone, un tablet e un computer portatile per capire l’attenzione che ogni gestore deve obbligatoriamente dedicare all’argomento connessione. Il cliente dovrebbe potersi connettere da tutti i dispositivi, auspicabilmente da qualsiasi punto della struttura, per non storcere la bocca in segno di insoddisfazione. Perché una bella frase a proposito dei Millennials e delle loro priorità e deviazioni, pronunciata dall’autore del libro “Y-Size Your BusinessJason Dorsey, recita testualmente: “Generazione Y non è sinonimo di esperti di tecnologia, ma piuttosto di persone dipendenti dalla tecnologia”.

Conoscere il target aiuta a scegliere le migliori soluzioni per attrarlo. Se già avete ben presenti tutti questi aspetti, probabilmente nella vostra struttura circola un buon numero di clientela della Generazione Y, e torna con piacere e condivide con gli amici la sua soddisfazione. Se tutto questo vi suona come qualcosa di strano, allora il migliore consiglio è quello di affidarsi ad un esperto, che possa consigliarvi come procedere per aggiornare al presente la vostra struttura e la sua presenza online. Qualcuno come noi di Personal Travels. Consulta i nostri servizi e contattaci per una valutazione gratuita della presenza online della tua struttura a QUESTO INDIRIZZO.

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *