Thalassa: in scena a Roma la psichedelia occulta italiana

Un mare oscuro di suoni in cui immergersi: è quanto propone “Thalassa“, festival dedicato alla “Italian Occult Psichedelia”, la psichedelia occulta italiana, in programma a Roma dal 2 al 4 aprile prossimi. Un festival giunto alla sua terza edizione (QUI tutte le informazioni, con la line up completa e le informazioni per assistere ai concerti) ospitato nel sotterraneo del “Dal Verme“, locale che ha un suo bunker dedicato alla musica dal vivo e che permetterà a 80 persone, per ognuna delle tre serate, di assistere a performance accomunate innanzitutto dalla lontananza con la musica mainstream.

Thalassa Festival al Dal Verme

Il logo del Thalassa Festival al Dal Verme

La psichedelia occulta italiana non è una scena, né un movimento, piuttosto è l’indirizzo comune verso cui si dirigono i gruppi che parteciperanno a “Thalassa”, festival definito come “una porta d’accesso privilegiata per entrare in quelle realtà sovrasensibili che un certo tipo di musica sa evocare“.

Nessuna etichetta da farsi appiccicare, ma l’eterogeneità di suoni e stili che vanno dalla psichedelia allo stoner rock, dall’ispirazione fornita dalle colonne sonore dei film italiani di genere, ai misteri ctonii di sonorità e culture mediterranee. “Thalassa” può far rima con melassa e può avere anche lo stesso effetto sulla pelle: una o più serate che vi si spalmeranno addosso e che vi resteranno appiccicate molto di più nella testa che sulla pelle.

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *