Una vacanza in giallo: i 5 migliori viaggi dei Simpson

Avete presente i Simpson? Crediamo di si, a meno che negli ultimi decenni non siate vissuti in una grotta e l’unico vostro intrattenimento animato possa essere ricondotto ad ombre proiettate sulle pareti.

simpson

Homer e Marge Simpson

Nel corso degli anni i viaggi dei Simpson in giro per il mondo sono stati numerosi: il punto di partenza è sempre Springfield, negli Stati Uniti, da un punto imprecisato (visto che non è mai stato chiarito quale delle tante Springfield statunitensi sia quella ideata da Matt Groening). Di solito, però, la decisione finale della famiglia Simpson si concretizza in salotto, magari sul divano, come invece succede spesso anche nella vita reale.

Viaggi che hanno più il carattere dell’avventura, che della gita, dettati da circostanze e necessità contingenti, più che dalla voglia di turismo. Si sa quando si inizia, non si sa come e quando si tornerà a casa.

La lista che segue non ha la pretesa di essere una guida esaustiva (per quello c’è simpsons.wikia.com) ma comprende i 5 migliori episodi, limitando il campo alle prime 10 stagioni. Una lista stilata da Personal Travels, ma siamo pronti al confronto: se avete dubbi, perplessità o una vostra personale lista da consigliarci (anche relativamente alle stagioni successive alla decima) non fatevi infartare, scriveteci!

Rullo di tamburi per la “Simpsons Go To” Top 5

5
Da Tokyo con orrore

S10E23 tokyo

Da Tokyo con orrore

Finale della decima stagione: con la famiglia in vacanza a Tokyo, Homer non perde occasione di demolire tutto ciò che i giapponesi hanno di più sacro. Si scontra con un campione di Sumo, vince e quando l’imperatore si avvicina per complimentarsi lo scaraventa in un cesto di biancheria sporca scambiandolo per un altro avversario. La puntata non è mai stata trasmessa in Giappone, mentre questa scena è stata cancellata dal DVD della versione locale. Lo sgarbo imperiale costa a Homer la prigione, per liberarlo Marge impiega tutti i soldi rimasti e l’unico modo di tornare a casa è partecipare a un programma televisivo stile “Takeshi’s Castle” (per i più nostalgici si tratta dei giochi senza frontiere sadici raccontati in “Mai dire Banzai”)

4
Viva Ned Flanders

S10E10 las vegas

Viva Ned Flanders

Questa volta la vacanza non è di famiglia, ma coinvolge Homer e Ned Flanders: il vicino, nonostante l’aspetto (e il fisico scolpito che raramente mostra), compie 60 anni. Il suo segreto non è la palestra, ma la totale assenza di svaghi. Ned chiede allora a Homer di insegnargli come ci si diverte: una richiesta che porta i due a Las Vegas dove, completamente ubriachi, sposeranno due cameriere di un casinò. La lezione di Homer comprende anche il metodo per risolvere situazioni complicate come questa: scappare!

3
Bart contro l’Australia

simpson australia

Bart contro l’Australia

Vacanza “forzata” per i Simpson: Bart telefona in Australia per sapere in che direzione gira l’acqua degli scarichi. Ma la telefonata è a carico del destinatario: il Governo australiano convoca tutta la famiglia a Canberra per le scuse ufficiali e per dare un bel calcio nel fondoschiena al ragazzo. Una punizione che Bart sembra accettare, almeno fino all’ultimo secondo, quando la famiglia scappa dall’ambasciata Usa in una scena che ricorda l’assalto a Saigon.

2
Crêpes alle crêpes, vino al vino

simpson france

Crêpes alle crêpes, vino al vino

Vacanza studio in Francia per Bart, nella prima stagione della serie, che vede il giallo con i capelli a spazzola finire tra le grinfie di due biechi sfruttatori di bimbi, a metà strada tra i cattivi di Dickens e quelli di “Mamma ho perso l’aereo”. Contemporaneamente arriva a casa Simpson uno studente albanese, che si rivelerà poi una spia inviata a carpire i segreti della centrale nucleare di Springfield. Bart imparerà la lezione e anche il francese: scopre che i due producono vino mischiandolo con antigelo, ma con la padronanza della nuova lingua li denuncerà alla polizia.

1
La città di New York contro Homer

Simpson_s09e01 new tork

La città di New York contro Homer

Dopo una serata da Boe, Homer lascia la macchina a Barney, designato come guidatore sobrio della serata: scompare per due mesi e quando torna non si sa che fine abbia fatto la macchina. Homer scopre che è rimasta parcheggiata in diveto di sosta al World Trade Center, accumulando qualche kilo di multe. La famiglia è eccitata all’idea di visitare la Grande Mela, Homer non proprio, visto che in passato ha avuto esperienze poco gratificanti. Esasperato dall’attesa, Homer decide di partire con una ganascia attaccata alla macchina. Nessuno mette Homer in un angolo!

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *